Il Chianti Californiano

Posted in Cinema with tags , , , , , , , , , on 21 marzo 2009 by serhunt

gran-torino-posterChe Clint Eastwood migliori con l’età è un clichè ormai noto, ma è la pura verità. Innanzi tutto nasce in uno dei migliori vitigni del cinema italiano, tutta quella cricca di “comunisti” che sono Leone, Gian Maria Volontà e Morricone. Poi si trasferisce, ancora acerbo, in America, in cui l’unica cosa che lo distingue dai personaggi precedenti è l’assenza del sigaro. L’uva giunge infine a giusta maturazione (The Unforgiven), ma di vino si può iniziare a parlare solo dopo Mistyc River. Il vino, si sa, va fatto invecchiare. E invecchiando migliora (Changeling), migliora (Milion Dollar Baby) e migliora (Lettere da Iwo Jima). Insomma, un chianti dei colli Senesi non saprebbe fare di meglio.

C’è una chicca però, non tutti la sanno, ma è importante. Il vino va fatto decantare e decantandolo può cambiare un po’ il suo sapore, il gusto finale può sorprendere. E “Gran Torino” non è certo come me lo aspettavo, “Gran Torino” mi ha sorpreso.

Sono entrato in sala sapendo poco e niente (gran modo di vedere i film), mi avevano detto “pare sia bello, un film sul razzismo…lui si aggira con un Garand”. Fine.

Il personaggio è sempre quello, lo stesso vecchio di sempre (anche se ogni tanto se ne esce con delle facce da pazzo niente male). La cosa che stupisce è l’ironia, che mai ti aspetteresti da uno come Clint Eastwood. Un’ironia inserita in una storia apparentemente leggera di amicizie impossibili. In realtà una storia molto cruda in certi punti, che sa ben cogliere le situazioni paradossali dei sobborghi americani. Insomma, Gran Torino: 9 pieno.

Next Stop: film su Nelson Mandela, interpretato da…, vi do un aiuto: l’ultimo figlio di Clint Eastwood si chiama Morgan Eastwood.

P.S.:Clint Eastwood ha deciso di andare in pensione da attore concludendo in bellezza, con un film diretto, prodotto, interpretato e cantato da se stesso. Per la canzone finale si è pure beccatola nomination ai Golden Globe.

Schiacciali quei sassi, passa sopra tutti i sassi

Posted in Senza Categoria with tags , , , , , , , , , , , on 13 febbraio 2009 by serhunt

logo_millumino2009_large

Considerazioni

Posted in Chiesa, Politica, Senza Categoria with tags , , , , , , , , , , , on 10 febbraio 2009 by serhunt

“Si sente dire che l’intolleranza religiosa sia frutto della convinzione. L’assoluta certezza che la propria fede sia giusta e tutte le altre sbagliate porta a pensare che sia criminale lasciare che gli altri vadano incontro alla perdizione. Ma io penso che il fanatismo non derivi dalla convinzione, bensì dall’insicurezza e dal dubbio.”

James Blish, “Le città volanti”

Beppino Englaro avrebbe potuto benissimo portare la figlia all’estero o, al limite, pagare un medico, un infermiere. Ha voluto fare le cose come si deve. E il risultato è questo. Siamo l’unico paese in cui, se una persona decide di fare le cose a norma di legge, c’è il rischio che cada la costituzione.

Il paradosso del piazzista

Posted in Politica with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 8 febbraio 2009 by serhunt

american_dictatorship_3Premessa: io credo che siamo tutti d’accordo nel dire che se togliamo il potere di veto su una legge al presidente della Repubblica passiamo, con molta nonchalance, in dittatura. Al massimo a una monarchia elettiva. Sicuramente però non parliamo più di democrazia. Quando la maggioranza decide senza che un garante possa mettere in discussione la costituzionalità di una legge, la democrazia diventa acqua passata. Un felice ricordo.

La cosa più assurda di tutta questa situazione è il dubbio che mi rimane. Tutti i più grandi dittatori della storia, da Castro a Napoleone, passando per l’America Latina, hanno fatto il loro colpo di stato in età (passatemi il termine) giovanile. Tanto per esagerare, Hitler istaurò la sua dittatura a 45 anni. Mi padre è più vecchio.

Silvio Berlusconi, classe 1936, ha la veneranda età di 72 anni. Con tutta obbiettività, quanto gli resta? 20 anni ancora? 25? 30??? Diamine, Dio ci odia a tal punto? Se pure continua a farsi queste leggi “ad personam”, sia quando la persona è lui o sono altri, dove vuole arrivare? Lui certo non potrà godersele e certo non le lascia ad un suo possibile successore (Fini è ufficiale ormai, è il maggior esponente dell’opposizione). Sotto di lui ci sono solo, come dice il buon Tc, cortigiani. Vassalli, valvassori e valvassini. Nessuno della sua Statura.

E Ancora. Dietro tutto ciò, non c’è nemmeno un’ideologia. Il comunismo, il nazionalsocialismo erano ideologie. Dietro tutto ciò c’è solo il guadagno, ma ormai è un obbiettivo raggiunto, un obbiettivo che non soddisfa più.

Inoltre, quando uno raggiunge un’età avanzata non pensa più alla “carriera”, pensa alla sua immortalità, pensa la ricordo che lascerà dietro di se. Tanto per citare un film che mi sarò visto almeno 9 volte “Cosa ricordare di lei onorevole? Lei durerà un po’ più, un po’ meno, ma passerà comunque alla triste cronaca, specialmente ora che le si addice”

Chiunque abbia una soluzione soddisfacente del complicato enigma la invii alla nostra casella postale. Il fortunato vincitore riceverà un ricco premio in gratitudine.

P.S.: non ho commentato il comportamento della chiesa. Cose così non si vedevano neanche ai tempi del referendum sul divorzio o sull’aborto, ma a quei tempi, si sa, c’era ancora un partito comunista.

Intrighi internazionali e brutali assassini

Posted in Senza Categoria with tags , , , , , , , , , , , on 13 dicembre 2008 by serhunt

hitchcock1Dopo le ovazioni di pubblico e critica di Giugno, dopo il successo di Broadway, dopo l’uscita del film che ha sbancato i botteghini in America.

Il regista di “Signori, il delitto è servito”, i produttori di “Signori, il delitto è servito” e gli attori premio oscar di “Signori, il delitto è servito”…presentano: “Signori, il delitto è servito”!

Un gruppo di persone si ritrova invitata a cena da un misterioso personaggio. Nessuno si conosce. Nessuno sa nulla dell’altro. Costretti ad usare uno pseudonimo tratto dal gioco “cluedo”, presto si trovano tutti implicati in orribili delitti.

Azione, intrigo, suspense (per il sesso, ci stiamo ancora lavorando) tutti colti in un emozionante spettacolo che vi terrà incollati alle poltrone.

Teatro chiesa di S. Enrico.Via Ratto delle Sabine

13 dicembre.

Ore 21:00

Cloro al clero

Posted in Chiesa, Informazione, Politica with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 6 dicembre 2008 by serhunt

immagine2Tempo di crisi. Tempo di tagli.

Già molti sono stati fatti alla scuola pubblica, per ovviare alle gravose spese al quale il governo italiano deve far fronte.

Montecitorio (o forse il ministero delle finanze) ha avuto una pensata: tagliare qualche cosuccia nei posti dove, in fondo, i soldi possono pure cercarseli da soli. Così si taglia qualche milioncino di euro (circa 130 per l’esattezza) alle scuole private paritarie.

Poi tutto avviene molto in fretta. Si approvano i tagli, i preti si lagnano e dopo manco un’ora già sono nuovamente stanziati per le scuole paritarie 120 milioni di euro. Detto, fatto.

La “notizia” non sta tanto nel fatto che c’è stata la pronta risposta della Santa Sede, quanto il livello di “cagnolinismo” che non credevo si potesse raggiungere. Ma in fondo neanche questa potrebbe essere considerata una “notizia”. Intanto però il PD si fa sentire: immediata la replica di Maria Pia Garavaglia (dio solo sa chi sia): “l’annuncio del ripristino dei fondi per le paritarie rappresenta soltanto un segnale,” vai così Maria… “ma, come il governo sa benissimo, la cifra intera e’ ancora lontana dall’essere ripristinata” no, ‘n momento; in che senso? “e mancano all’appello ancora molti dei milioni che il precedente governo aveva assegnato alle scuole paritarie” insomma gliene vorresti dare altri. Pensandoci, neanche questa sarebbe la “notizia”.

Non so in realtà quale sia l’informazione che un tale articolo di giornale, come quello apparso su repubblica, possa dare. Da prima a dopo non è cambiato assolutamente niente, se no il fatto che ora si è ancora più certi che non si può risparmiare nulla da quel lato del tevere. La situazione è deliziosa.

Poi volevo provare a commentare il secco no, con motivazioni di una bellezza rara, alla depenalizzazione dell’omosessualità, ma non ce l’ho fatta. Giuro ci ho provato, ma si commentano da soli. A volte mi viene in mente che in fondo va bene così. Come disse Luttazzi in un suo spettacolo: “c’era bisogno di un papa che allontanasse le masse”.

Cloro al clero.

Il problema saranno le spese di spedizione

Posted in Informazione, Politica, Satira with tags , , , , , , on 26 ottobre 2008 by serhunt

Non so chi sia la mente superiore, ma l’Università di Tor Vergata è su eBay.

Aggiunta ore 22:16: visto che l’inserzione è stata rimossa, io vi posso assicurare che in realtà c’era (e in molti modi).

“Vendesi Università di Tor Vergata: Il complesso universitario sorge nel verde, in zona Roma sud-est. E’ composto da diverse facoltà , tutte con ampio parcheggio, aule, laboratori e bar. Compresi nel prezzo vengono offerti anche i professori, gli studenti e il loro futuro, che potrà essere manipolato a vostro piacimento.

Il tutto è un usato garantito, e un gadget essenziale per chiunque voglia fare dell’ Università un ente privato accessibile a pochi. Trovandosi inoltre in un ampio parco e tra ben tre centri commerciali, l’Università Tor Vergata è l’ideale per coloro che vogliano ampliare il loro sapere senza rinunciare allo shopping e all’attività fisica.”

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.